foto Detto Marco

PIANO JAZZ – docente Marco Detto

Docente: Marco Detto

Argomento: Lezioni di approfondimento sull’arte dell’improvvisazione

Si rivolge a: Pianisti, chitarristi, strumentisti a fiato, bassisti, contrabbassisti, vibrafonisti e batteristi

Programma: 2 ore di lezione individuale; 8 ore di musica di insieme (lezione collettiva), con concerto finale

Calendario: Sabato 9 e domenica 10 giugno; sabato 16 e domenica 17 giugno                                   

 

Quota di iscrizione: 140€ più 10€ di tessera associativa obbligatoria a “La Fabbrica dei Ponti”

Il corso sarà attivato con un numero minimo di 7 alunni

Al termine sarà rilasciato un attestato di frequenza

Iniziativa organizzata in collaborazione con l’associazione La Fabbrica dei Ponti

 

 

 foto Detto MarcoMarco Detto 

Nasce a Milano nel 1962. Studia violoncello e in seguito si dedica da autodidatta allo studio del pianoforte. Pianista e compositore, ha inciso trenta cd, di cui sedici costituiti da proprie composizioni originali. Ha collaborato con alcuni dei più grandi jazzisti del mondo: P. Erskine, P. Daniellsson, L. White, E. Gomez, J. Staig, B. Mover, P. West, J. Farmer, e con illustri jazzisti italiani: G. Basso, F. Cerri e B. De Filippi, con i quali ha anche inciso. Nel 2003 il suo cd “Django” viene ottimamente recensito in Giappone dalla rivista jazz “Sunny Sid” e rimane nella classifica da loro redatta per due mesi al secondo posto. Nel 2005 l’etichetta giapponese Sound Hills ristampa il cd “What a Wonderful World” inciso con E. Gomez e  L. White. Nel 2006 incide “BlueStones” (tutte composizioni originali), di cui il brano “Lasciarsi andare” riceve la “Honorable Mention” nella categoria jazz all’International Songwriting Competition 2006. È ospite in diverse trasmissioni radiofoniche su Rai Radio Tre. Ha curato gli arrangiamenti musicali degli spettacoli teatrali dell’associazione culturale “NOEHMA Servi di Scena” diretta da Teresa Pomodoro nel carcere di Opera e di San Vittore, nel teatro Strehler e presso l’Università Statale di Milano. Nel 2010 con il brano “Correndo Lontano “ tratto dal suo ultimo lavoro “In the meantime” è finalista nella categoria jazz all’International Songwriting Competition 2010. Da sempre affianca l’attività concertistica con l’attività didattica.